quiSalento (speciale del 15 Agosto 2005)

Va in scena a Galatina nel chiostro dei Domenicani, nel Palazzo della Cultura, alle 20.30 "Rita" di Gaetano Donizetti. Un'opera comica che dal Salento, si sposterà in Germania per approdare ad ottobre, a Wolfenbuettel (Germania) al Lessing-Theater, insieme alla sua estrosa regista, che da anni si occupa della scenografia e della regia di operette, diffondendo e facendo apprezzare un genere che meriterebbe di essere conosciuto meglio. E questa serata, a Galatina, è un'ottima occasione per farlo. L'opera comica in un atto rappresentata per la prima volta nel 1863, e oggi riproposta da Annemette Bernardelli, vede salire sul palco tre personaggi: Rita, interpretata da Paola Massoni, soprano; Beppe, interpretato da Marco Voleri, tenore; e, nei panni di Gasparo, Mauro Bonfanti, baritono, accompagnati da un'orchestra da camera, diretta da Valerio De Giorgi. La farsa di svolge nella locanda di Rita, una donna dura e manesca, sposata con il docile Beppe. La loro vita viene sconvolta dall'arrivo del primo marito della donna, creduto morto annegato. A sua volta, Gasparo, credeva che Rita fosse morta in un incendio. Trovandosi di fronte, i due uomini devono mettersi d'accordo su chi "terrà" Rita, così decidono di giocarsela a carte, cercando in tutti i modi di perdere per perderla. Vince Gaspare, ma Rita non ha intenzione di tornare con il primo marito, che più di una volta , in passato, le ha alzato le mani. Alla fine, dopo divertenti peripezie, Beppe decide di tenere Rita con sé, anche perché da Gaspare ha imparato che gli schiaffi è meglio darli che prenderli, come dire "troppo amor fa male al cuor". Un appuntamento insolito, a Galatina: un'opera comica che, fra dialoghi arguti e musiche, scivola veloce, per una serata allegra e interessante.